Ecoterapia

Domande e risposte

Cos’è precisamente l’ecoterapia? Come si svolge il trattamento? E il costo è coperto dall’assicurazione sanitaria? Qui potrete trovare tutte le risposte riguardo all’alternativa “dolce” all’intervento chirurgico.

Cos'è l'ecoterapia?

L’ecoterapia è un trattamento con ultrasuoni terapeutici. Immaginatevi una lente d’ingrandimento attraverso la quale si irradiano i raggi solari. I raggi vengono riuniti in fasci e colpiscono un punto con forte intensità. In linea di principio l’ecoterapia funziona così:

il tessuto del nodulo si riscalda molto rapidamente fino a raggiungere circa 85 °C. Per questo durante la procedura ha luogo una sorta di “processo di fusione”. Successivamente al trattamento l’effetto dell’ecoterapia prosegue e il nodulo diventa sempre più piccolo. Ciò è dovuto al fatto che il corpo decompone progressivamente il tessuto “fuso”.    

Che tipo di risultati offre l'ecoterapia nel caso di noduli tiroidei benigni?

 Entro sei mesi dalla terapia le dimensioni dei noduli tiroidei si riducono mediamente della metà.[1] Anche dopo il trattamento gli effetti dell’ecoterapia permangono immutati per un determinato lasso di tempo, il che determina un’ulteriore riduzione del nodulo. Con la riduzione del nodulo anche i disturbi diminuiscono.

Fonti:
[1] US-guided High-Intensity Focused Ultrasound Ablation of Benign Solid Thyroid Nodules: Initial Clinical Outcomes; R. D. Kovatcheva, J. D. Vlahov, J. I. Stoinov, K. Zaletel; In: Radiology, 2015

Quando è opportuno ricorrere all'ecoterapia?

Il trattamento di un nodulo con ecoterapia è sempre opportuno come valida alternativa all’intervento chirurgico e anche se il nodulo cresce molto rapidamente, se avete disturbi oppure se i farmaci o la radioiodioterapia non hanno più alcun esito. L’ecoterapia può essere però anche la scelta d’elezione se si desidera evitare un ulteriore sviluppo dei noduli. Parlatene direttamente con il vostro medico.  

Come si svolge il trattamento con ecoterapia?

Il trattamento avviene in regime ambulatoriale. Solitamente il paziente si reca all’appuntamento in clinica, e torna a casa direttamente dopo il trattamento. Durante il trattamento il paziente rimane comodamente disteso in posizione supina. Oltre alla vera e propria terapia, si esegue un controllo ecografico al fine di indirizzare esattamente le radiazioni terapeutiche. 

Si tratta di un trattamento doloroso?

Prima dell’ecoterapia al paziente viene somministrata un’anestesia locale, il che consente di non sentire pressoché alcun dolore. Si potrebbe però avvertire un pizzico o una puntura più o meno intensi. Qualora lo riteneste troppo fastidioso, parlatene con il vostro medico curante, il quale adeguerà di conseguenza l’intensità del trattamento.  

Quanto dura?

 Solitamente è necessaria una sola seduta. A seconda delle dimensioni del nodulo, il trattamento può durare da 20 minuti a 1 ora e mezza.

A cosa devo prestare attenzione una volta a casa dopo il trattamento?

Potrete subito riprendere le vostre attività quotidiane. Poiché l’ecoterapia non prevede di dover praticare alcun taglio, non vi sono ferite o altri disturbi.

Il trattamento è sicuro?

Gli ultrasuoni terapeutici sono utilizzati da diversi anni con successo per il trattamento dei tumori. Grazie ad esso, i tessuti malati vengono distrutti senza danneggiare quelli sani (vedasi anche: Cos’è l’ecoterapia?) L’ecoterapia sfrutta questa tecnica per trattare i noduli benigni a livello della tiroide e i fibroadenomi del seno. Riguardo all’applicazione dell’ecoterapia sulla tiroide, e in particolare per quanto riguarda i noduli tiroidei di natura benigna, sono stati compiuti diversi studi scientifici.[2]

Fonti:
[2] Local thyroid tissue ablation by high-intensity focused ultrasound: Effects on thyroid function and first human feasibility study with hot and cold thyroid nodules; H. Korkusuz, M. Sennert, N. Fehre, C. Happel, F. Grünwald; In: International Journal of Hyperthermia, 2014; previously online: 1-6

Che vantaggi comporta l'ecoterapia?

L’ecoterapia non prevede alcun intervento chirurgico, tagli o cicatrici. La terapia avviene in regime ambulatoriale e non vi sono praticamente effetti collaterali. Viene distrutto esclusivamente il nodulo tiroideo, mentre il tessuto sano viene preservato e conserva la propria normale funzionalità. Ciò è importante, poiché la maggior parte dei pazienti ai quali viene asportata l’intera tiroide o gran parte della stessa devono assumere ormoni a vita.